Un mese di seduzione (Italian Edition)


Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online Un mese di seduzione (Italian Edition) file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with Un mese di seduzione (Italian Edition) book. Happy reading Un mese di seduzione (Italian Edition) Bookeveryone. Download file Free Book PDF Un mese di seduzione (Italian Edition) at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF Un mese di seduzione (Italian Edition) Pocket Guide.
THE TRADITIONS OF PASTA, PASTA-LAB AND TASTING

Una meraviglia da assaporare. He is famous amongst the Alitalia hostesses because when he flies Rome — New York he often brings out his Spinosini and offers them around on board. Vincenzo has turned his egg pasta into an element of culture and territorial marketing. The commitment to foodl culture is a common trait in the Marches. The best representative of this is Carla Latini. At Osimo, in the province of Ancona, she produces one of the best pastas in the world. She plants the wheat and carries out scientific research both on the plants and their nutritional value; she has sponsored all that is culture of food.

It breaks my heart to think that even spaghetti has become a luxury item. If the basic prices are like this then at least people have the right to have top quality. A plate of Latini pasta can be recognised by the bouquet and tasted with the addition of a drop of oil. The sauce pays homage to the wheat and the countryside. The countryside which, here in the Marches, is still the birthplace of their identity.

Italia extra vergine Oli di oliva: Se in molti acquistassero gli extra vergine con il bollino blu, infatti, sarebbe un grande successo per il Paese. Eppure il mercato non premia questi oli. Si tratta allora di far percepire al consumatore la differenza con gli oli sprovvisti di questo marchio. Le Dop offrono un ampio ventaglio di profumi e sapori. Oggi perfino in Pie Al naso sentori di pomodoro ed eleganti note vegetali e di erbe di campo. In chiusura i sentori di mandorla. Alto Crotonese, Bruzio e Lametia. Al gusto morbidezza ed equilibrio delle note amare e piccanti. In chiusura la mandorla dolce.

Note di mandorla in chiusura. Canino, Sabina e Tuscia. That is the wish of our olive producers, hoping that consumers will learn to recognise the importance of having a DOP in their own kitchens. In fact, if an increased percentage of consumers purchased blue label extra-virgin olive oil it would be a victory for the whole country. To choose oil with a certification of its territorial origin that refers to a localised productive area is the equivalent to having a special emblematic product.

Yet the market does not reward such oils, so it is necessary educate the consumer to perceive the difference of characteristics compared to oils that do not hold this trademark. It is true, because our oil producing division has to pit itself against strong competition from lower priced foreign oils.

The choice is vast, because from north to south of Italy the production areas are numerous. In Italia, lo schedario olivicolo ufficiale certifica ben cultivar. Le Dop riconosciute al momento sono 39, e una sola Igp. Un tesoro inestimabile Questo viaggio esplorativo dovrebbe iniziare dal Sud. Una pianta che nel corso Un tesoro inestimabile, visto che il profilo sensoriale di ciascun olio dipende in gran parte dal tipo di olive da cui si estrae.

Al palato sono sapidi e robusti, con netti rimandi al carciofo e al cardo, e finale piccante in evidenza. Al gusto sono delicati e armonici. In chiusura note di frutta bianca. Brisighella e Colline di Romagna. Leccino, Maurino, Pendolino, Frantoio. An artistic collaboration increasing freshness and creativity. Una pianta che nel corso But in the fight for health, one can count on the food -allies.

The time between the milking and the pasteurization should not be more than 48 hours. In the Italian headquarters was not big enough and Icif opened also two branches abroad in the south of Brazil and in China. Garda Orientale e Veneto. Garda Bresciano e Laghi Lombardi. Taggiasca, detta anche Lavagnina, con altre cultivar autoctone meno note come Lizona, Pietrasantina e Razzola. Al palato, morbidi e rotondi, con toni vegetali di carciofo. Despite dioxin scandals no fork has trembled in the three locations dedicated to mozzarella.

But in the collective imagination mozzarella is not a northern cheese. Il laudatissimum caseum del Campo Cedicio, In generale, le mozzarelle artigianali sono preparate con latte fresco, vaccino o bufalino, scaldato a temperatura moderata, a cui vengono aggiunti caglio naturale e sale. Dopo la coagulazione, si procede alla rottura della cagliata in granuli, simili a nocciole. I pezzi ottenuti passano quindi in acqua fredda per rassodarsi. Entrambe hanno pelle sottile, liscia e lucida, e pasta morbida e leggermente elastica, per la filatura in fogli so-.

Trapani, Catania, Messina, Agrigento. E ancora melanzane alla parmigiana, coscus, capperi e arance. Strati che hanno lasciato il segno e parlano ancora la lingua della bellezza. Prevalenti erano le ricette agrodolci a base di uvetta e pinoli. Oggi, le migliori arance rosse sono quelle siciliane, e il cuscus viene celebrato con un importante festival che si tiene ogni anno in settembre a San Vito Lo Capo, vicino Trapani.

Il mare risplende e, proseguendo verso Messina, si ar-. Sicilia, a crossroads of populations and tastes A melting pot of people and immense culture, the Sicilian territory has welcomed the Greeks, the Romans, lived through the Barbarian, Byzantine, Islamic and Norman eras, then the House of Anjou, the Aragonese, the Bourbons, with all the different cultures leaving their mark in diverse ways.

Siracusa is as old as Rome more or less, its imposing Teatro Greco is one of the most ancient ,together with the one in Athens. Siracusa is not only known for its beauty but also its palate. It was the culinary capital of the classic world of Magna Grecia, which already in the 5th Century ac opened a kind of cookery school and cook book for cooks, with the most popular recipes being sweet and sour dishes with a pine nut and sultana base. The Arabs began to cultivate citrus fruits and also introduced ice cream and couscous.

The best oranges today are Sicilian and couscous is celebrated in an important festival held in September in San Vito Lo Capo near Trapani. In Catania one can visit the piazza del Duomo where there is the famous statue of the elephant, the symbol of the city. Here you can find arancini, delicious balls of stuffed rice which were born here. On the opposite side of Sicily there is Marsala noted for its wine and past history, from the settlement of the Phoenicians in the island of Mothia to the Sbarco dei Mille who turned it into the city of Garibaldi.

The wine of Marsala is the oldest Italian Doc and visiting the bagli old farmhouses gives one the idea of how the English were able to understand the potential of the Marsala wine business of this Sicilian locality. Qui trovate gli arancini, gustose palle di riso imbottite, che a Messina hanno visto la luce. Levanzo, deliziosa e minuscola. Da Levanzo si parte per Trapani: Qui si fa il pesto con le mandorle e il cuscus di pesce preparato con cernia, scorfano, gamberi e cozze.

A Segesta, con il suo teatro e il suo tempio, il tempo sembra essersi fermato. Palermo invece attende con piatti sopraffini: Da non perdere la visita al Palazzo dei Normanni dove lo stile normanno romanico si unisce alla tradizione.

Past Events | Italian Cultural Society of Washington D.C.

Di rigore un salto a Mondello, la spiaggia dei palermitani, per degustare la pasta con le uova di ricci di mare. Caltanissetta, da visitare per le sue solfare, ed Enna, ombelico di Sicilia. Tarocco, Moro e Sanguinello. From Marsala one can sail to the Egadi and stop off in Favignana, a butterfly shaped island. Then on to Levanzo,a tiny island and a real gem From Levanzo one leaves for Trapani: From Trapani, the itinerary goes overland to Palermo, stopping off in Erice,.

In alto, un tipico carretto siciliano istoriato carico di arance rosse e, sotto, la Valle dei Templi. Segesta and San Vito Lo Capo. The mount of Erice, which is the place of love and of science where Enea stopped to render homage to the God Venere. In Segesta, with its theatre and its temple, there is a sense of timelessness, that time has passed it by. Palermo waits for you with plates overflowing: An ideal place to satisfy the palate is la Vucciria,a sort of Arab souk in the centre of Palermo, but do not forget to visit the Palazzo dei Normanni, where the Romanesque- Norman style is a fusion of Arab tradition and Byzantine and the ostentatious Cappella Palatina, which represents the best in.

Byzantine mosaic art, together with the ones in Ravenna and Istanbul.. Not to be missed a visit to Mondello, the beach of the Palermitani, to eat pasta with sea urchins eggs. Among almonds, temples, capers and oranges The Valley of the Temples, in Agrigento is one of the most famous archaeological sites in the world, with the Tempio della Concordia thousands of years old. Agrigento, the birthplace of Empedocle and Luigi Pirandello. But in Sicilia there is not only the sea. In Caltanissetta it is interesting to visit the sulphur mines, Enna, is the bellybutton of Sicily.

From Torre Pisana, if you are lucky, you can see three seas: And much more beauty in the Val di Noto, a world heritage site, not forgetting Ragusa, a wonderful city where Baroque triumphs. Other specialties are the capers of Pantelleria and the principal ingredient of the cooking of the Eolian islands. There are three blood groups distinguishing the oranges: Un intreccio di meraviglie artistiche, vegetazioni lussureggianti e antichi borghi, capace di stregare i viaggiatori di tutti i tempi.

Un insieme ininterrotto di paesi sonnolenti e fiabeschi a strapiombo sul mare che provoca vertigini. Un serbatoio naturalistico di fascino insuperato da condividere in amore o in amicizia, sollevando calici di vino speciale e gustando cibo forgiato dal timbro di un sole generoso e dalla brezza marina di un Mediterraneo che qui scalda palato e cuore. Gioielli marinari Puntando il dito a caso in questa fascia di 40 chilometri e 13 Comuni, ovunque si capiti, si capita benissimo. E poi il selvaggio entroterra della Costiera, in cui si fiondano volentieri gli amanti del silenzio e del fresco.

Gently rolling, fairytale countryside jutting out dizzily over the sea. Point a finger by chance on this strip of 40 kilometres and 13 towns whatever you chose is spot on. The labyrinth of tiny streets of Amalfi is the centre of the most ancient marine republic of Italy. The famous steep steps that join Positano to the beach overlooking the islands of LI Galli have inspired generations of poets and artists The breathtaking view from the endless terrace of Villa Cimbrone in Ravello is practically a myth.

From ceramics to paper Enticing Positano boutiques and the tiny craft shops of Amalfi this delightful coastline offer the perfect excuse for shopping. First stop, the famous coloured ceramics of Vietri sul Mare. The vases, plates, jars, jugs and tiles are the cornerstone of the local economy and appreciated worldwide for their artistic appeal, crafted by a tradition refined over the centuries.

Hand made paper is another process proudly upheld in the area: Senza dimenticare le ceramiche artigianali di Vietri sul Mare. Ognuno con il suo verde, i limoni, le rocce fiorite di ginestre, le ville sospese su un mare di smeraldo. Da questo, una trentina di laboratori della Costa ricavano il famosissimo limoncello, liquore senza una ricetta codificata ma variabile a seconda delle tradizioni familiari e paesane. Sono a base di limone anche composte, marmellate e una serie di ghiottissime torte. Sono i compagni perfetti delle onnipresenti salsette e zuppe di pesce del litorale. A mountain of delights The pasta of Gragnano is not far away.

The influence is particularly evident in Minori where fusilli, ricci, lasagne and the typical ndunderi are hand made by artisans. Impossible to forget are the chestnuts and liquors made from nocillo, fragolino, nanassino and concerto mixtures of local mountain herbs. The DOC wines from the Amalfi coastline deserve to be more widely known. Tireless vine growers on the steep hill slopes of the area lovingly cultivate the grapes.

The famous liqueur limoncello is produced by thirty or more laboratories along the coastline based a traditional recipe but freely adapted by different families and local villagers. Lemons are also the basic ingredient of jellies, jams and mouth-watering cakes. Moving to the western part of the coast we find small piennolo tomatoes, bell towers in the local dialect due to the way they are bunched together once picked. Nella pagina a sinistra, il limpido mare di Conca dei Marini.

Qui sopra, i limoni Igp della Costa di Amalfi. Come dimenticare, infine, le castagne e i rosoli come nocillo, fragolino, nanassino e concerto miscuglio di erbe tipiche delle zone montane? Eppure, su pendenze spesso estreme, infaticabili viticoltori lavorano per dar vita a grandi nettari. Come quelli della Gran Furor di Furore, specialmente il Furor Bianco Fiorduva, uvaggio di autoctone Fenile, Ginestra e Ripoli e il Furore Rosso riserva, da Piedirosso e Aglianico, ennesimi capitoli di una saga golosa che ad Amalfi e dintorni non sembra conoscere fine.

Categoria: FOLK-ROCK

A questi si aggiungano numerosi altri indirizzi che con la fantasia hanno saputo mandare in soffitta lo stereotipato binomio gastronomico pizza-zuppa di pesce. Senza dimenticare mastri pasticcieri come Salvatore De Riso di Minori, per le cui fantastiche prelibatezze dolci accorrono da tutta Italia raffinati gourmet.

Temples for taste buds On steep hilly slopes tireless vine growers turn grapes into nectar. In this wonderful climate and abundant region, rich in raw materials, it goes without saying that the local restaurants are superb. Not always in a popular tourist area one can eat well. However, from Postano to Vietri you are treated so well nowadays that the Amalfitana coast is giving the peninsular of Sorrento renowned Mecca of super restaurants a run for its money.

There are numerous other places that with a good dose of fantasy have managed to kill the stereotyped pizza-fish soup image. Last, but not least, we have Salvatore De Riso of Minori the master pastry chef whose fabulous desserts are sought after by every gourmet in Italy. Le commistioni di culture e di stili sono evidenti a Venezia, a partire dal luogo che ognuno conosce anche senza esserci mai stato: E lo stesso mix, riflesso di lunghi viaggi e traffici commerciali, lo si ritrova anche a tavola in usi alimentari che si sono protratti nella storia.

Venice, big place of the world The wave caused by the Biennale of Architecture, that for over thirty years has been invading the famous water city with a wealth of international novelties, has returned to the Venetian summer. Rapida is just as impetuous. The film festival lays out the red carpet to the art week on the Lido Island.

Both events wake up Venice with a wave of modernity and futurism that seems to clash with the tranquil image of the city, perfect and suspended in time, a holographic setting of a painting. The mixtures of culture and style in Venice are evident, starting from the place that everyone knows and loves without ever having visited it: In apertura, un affascinante scorcio della laguna veneziana.

Semplice, ma al contempo complessa. Cannella, noce moscata, chiodi di garofano. E, ancora, zafferano, pepe e sale. Chatting at the bar Simple, but at the same time complex. Cinnamon, nutmeg, cloves, salt, pepper and saffron. The spices arrived from the Orient in the Middle Ages and lingered in the Venetian cuisine. The first coffee shop was opened here in ; twenty-two were thriving a century later. Frequented by the best of Venetian society, it offered coffee and oriental wines and its patrons from Carlo Goldoni to Casanova, from Lord Byron to Stravinsky made it famous over the centuries.

Nowadays, a coffee or cocktail at Florian is the rule for rubbing shoulders with a piece of history. Close by, another famous bar the Lavena, experiments with and recreates traditional coffee shop recipes dating back to Oggi un cocktail al Florian ottimo il Tiepolo: Sotto, altre due istituzioni per chi voglia assaporare il gusto della tradizione veneziana: Another typical Venetian meeting place to be experienced is the bacaro.

What is certain is that in the traditional osterie cleverly redecorated to look fashionably shabby you can nibble at cicheti Latin for ciccus, tiny portions of typical dishes such as sardines in saor, tripe, fried salt cod, folpetti steamed octopus with lemon vinaigrette or a touch of salt. Rice takes the place of honour on the list of ingredients exchanged over the centuries between Venice and the Orient: In it became the basic ingredient on the Venetian menu, thanks to measures taken by the Ducal government that freed the production from taxes and duties.

Sembra una meta esotica e, guardando le trasparenze dei fondali, quasi si fa fatica a credere che sia invece un promontorio che affaccia sul mare Adriatico. E poi per i paesi — Peschici, Lesina, Vieste, Mattinata — ricchi di storia e tradizioni. E per la gente schietta, semplice e generosa. Paradise Found, The Gargano It is hard to believe that this exoticlooking place, which shows off its marine bed through limpid and silken waters, is a promontory of the Adriatic Sea. A place known for its tasty but simple cuisine a mix of flavours, also of the sea and the earth , its light plays of morning silver and evening gold and the magic of its ancient towers, which still echo of long-ago Saracen incursions.

Find Places to Stay in Schifanoia on Airbnb

The home of towns, such as Peschici, Lesina, Vieste and Mattinata, steeped in history and tradition, where the people are down to earth and open-hearted. The northern coast cradles the two salt lakes of Lesina and Varano, separated from the sea by a long strip of undulating sand dunes. Lake Lesina is famous for its eel-fishing tradition. Dopo il primo scrivo anche il secondo libro. E poi che lo avrei fatto insieme a qualcuno.

Ecco ero obbligata a farlo. Francesca Joppolo lo ha curato. Una collana di perle e di capitoli che si inanellano per poi fare un libro. Marco Milanesi ha disegnato anche Patrizia in tante vignette. Sembra proprio di seguire Patrizia nella sua vita, attraverso questi disegni. Come mai? Il gioiello ci fa sentire belle e se ci sentiamo belle stiamo bene. Se ci sentiamo bene sorridiamo e siamo aperte alla vita. In Africa, va ricordato, le donne si dipingono e poi si mettono i gioielli, che non hanno valore intrinseco.

Il tuo libro ha da poco un'edizione inglese. Come sono andate? So che ami molto il contatto con chi ti legge Per esempio a Bologna ho fatto la presentazione in una libreria. A Palermo in un conservatorio. Non leggiamo un passo del libro, ma prendiamo spunto dal libro per parlare di cose di vita. Sono temi diversi che comunque hanno un filo conduttore nel libro.

Poi tante domande. Penso che quello dico interessi molto. La gente si annoia e si stanca. Ma raccontaci del tuo lavoro Compro e vendo, ma non compro mai per un cliente in particolare. Un ornamento. Un complemento importante al vestiario. Ma non solo. E poi quali sono le cose nel mondo che tu compri e ti danno piacere, ti fanno sentire bene e quando le compri ne rimane il valore? Dipende da come si indossano, da come ci sente..

Il gioiello ti ricorda anche di momenti e di persone. Il rapporto di ogni donna per esempio con i propri gioielli ha anche un profondo valore simbolico e sentimentale. Colgo una piccola nota personale in questa risposta. Nel libro racconti che ti sei sposata due volte senza un anello di fidanzamento! La prima volta non ci tenevo. La seconda ho ricevuto una collana. Il racconto in pillole con immagini sta funzionando molto bene e molti mi scrivono, mi pongono domande.

Accompagna la vita di tutti i giorni, senza fingere, con post che parlano di preziosi e non solo. Her mother and all of her siblings were born in the United States but the family returned to Campodipietra when her mother was just 11 months old. He left his entire family in Italy to marry her and they came back to the US in to build their family here.

New Britain was heavily populated with Italians and Polish immigrants. Many immigrants from Campo di pietra moved to New Britain and neighboring towns, and our neighbors were paesani too! Because my mother worked as a seamstress andI was the last of three children, Angela Maria would take care of me after school. She was very much like my nonna and spoke only dialect. As you can imagine,. I quickly learned to speak Italian dialect from Campodipietra.

In fact I think I may have spoken dialect before I spoke English. I learned so much about Italy and our family from Angela Maria. She lived to be years old; she looked like the most beautiful befana and told me the most wonderful stories about Campodipietra. She also taught me to crochet, something I still enjoy today.

Not really. I went to Fordham University, and there I met so many friends who grew up as I did—first generation Italian Americans. I felt very much at home at Fordham. I decided to major in communications and minor in Italian studies. You speak dialect, not Italian, and the language is not an easy one.

And I managed to convince my parents that I should take the Fordham.

Language course in Italy over the summer. It was and that trip changed the trajectory of my life. Meeting my family in Italy for the first time and seeing Rome, Tuscany, the Amalfi Coast and Campobasso left an indelible mark on me. After that, I went back to Italy as often as I could. But you are also American of course. What is it like to have a dual identity? And how much does this affect your daily life? Well, being Italian American affects every fiber of my being. My parents were fiercely proud of their Italian heritage. When the laws changed, allowing dual citizenship, my father was quick to regain his Italian citizenship.

I suspect to an Italian, there is no question that I am American. Yet to my friends and me, there is no question that I am Italian. So much of what I do has been influenced by my ethnicity, from my interests to my friends to my involvement in the Italian American community and even to my clients, many of whom are Italian.

I feel truly blessed to bridge both worlds and to understand the cultural differences and the nuances of both worlds. When did you first find out about the organization and how did it become so important to you? Soon after my trip to Italy, I became very involved in Italian American organizations. There, I was fortunate to meet Matthew DiDomenico, a successful businessman who was on the Board of NIAF; he became my mentor and sponsor and remains my friend to this day.

The world of Italian-American organizations has long been dominated by men. At least in the past. What was it like to be a woman at NIAF? It has been a challenge for women in many Italian American organizations and I am not sure how to explain that. She was the first woman named to the Supreme Court of New Jersey. Official Italian-American organizations have had an increasingly difficult time reaching out to young people.

Do you think your children, grandchildren or other young Italian Americans in your family are interested in cultivating their dual identity? What can NIAF do to get closer to them, to get them more involved? The children of second and third generation Italian Americans are more removed from their Italian heritage.

Students selected are offered the opportunity to visit Italy for two weeks. I have met some ofthe students who have traveled to Italy on this program. They are excited to visit the country and energized by all that Italy offers. How is it seen today with respect to the past? Stereotypes persist; I experienced them firsthand as a student and a young lawyer. However, as a community we have made great strides in presenting positive images of our culture, and NIAF has been at the forefront of that effort.


  • Family Secrets.
  • Belén Rodríguez.
  • Salfa, Amedeo!
  • Salfa, Amedeo [WorldCat Identities].
  • Past Events.
  • Articles by: Letizia Airos;

But I believe there is still much work to be done. The recent attacks on the Columbus Day celebrations are one glaring example of the erosion of our culture. Italo-American organizations need to work together to promote a positive image of Italian-American culture. Neither have Italians in Italy always had an easy relationship with Italian Americans. What do we need to do to get these two Italian worlds separated by an ocean to better engage one another? I think stereotypes of Italian Americans play a significant role in the perceptions Italians have of Italian Americans.

The many Italians who immigrated to the US in the ss brought the Italy they knew with them. Yet Italy is a very different country today.

NEWS e TREND

We grew up with parents who held onto the older culture and my cousins in Italy grew up very differently. Therein lies the difference. I think the media plays a large role in bridging such divides. NIAF is on the precipice of big change. He has bold new ideas and he is steadfastly committed to ushering NIAF into the next generation. We are already seeing the impact of his changes. Like John, I am committed to bringing young people into the fold, to share with them my love and passion for our rich culture and history.

Personally, I am especially committed to the scholarship program that I myself benefited from as a student. I want to see the first woman not me! I believe that day is right around the corner. Ancora non si sapeva della sua candidatura. La sua agenda era piena di impegni aziendali, e associativi, non certo politici. Tutto parte infatti da un episodio familiare.

Questa intuizione lo ha portato a svolgere un ruolo importante nel mondo e non solo per la sua di azienda. Gli ha consentito di avere esperienze ed aperture culturali che pochi hanno potuto avere. Il Molise viveva una stagione di ottimismo, attraeva investimenti anche da aziende multinazionali. La Fiat andava bene. Sembrava ci fossero buone prospettive di sviluppo, per la nostra piccola regione, nonostante le risorse limitate. Io ero stato anche presidente delle camere di commercio e questo era molto utile.

Molti giovani se ne andarono. Perdevamo risorse umane. Qualche giorno fa ho fatto due incontri nelle aree industriali. Quella interna di Venafro e sulla costa di Termoli. Insomma ci sono le condizioni per attrarre investimenti. Il potenziale rimane. Cosa serve, secondo Enrico Colavita? Un percorso di piccoli-grandi passi. Ho riunito quelle del comparto agro-alimentare. Siamo stati in grado di avviare la distribuzione su tanti mercati.

Sono successe tante cose da allora. Ma torniamo in Molise, un territorio senza uguali. Abbiamo paesi, quasi tutti borghi. Moltissimi sono carini, hanno una storia notevole e costano pochissimo. E a Natale, in molti di questi vengono allestiti presepi viventi davvero suggestivi Il Molise pronto al rilancio turistico come Basilicata e la sua Matera? Voglio dare il mio contributo. E lo fa anche con piccole azioni. Si trattava di produzione artigianale. Lo conosco da quaranta anni.

Certo che ci vado. Li conosce bene… come pochi. E li avvicina sempre con quel calore umano che fa parte del suo modo di essere. Con i suoi importanti associati, politici e imprenditori, professionisti e scienziati, artisti e giornalisti, dovrebbero essere un nodo vitale per noi.

PRIMO PIANO

Torno a Piero Bassetti, condivido molto il suo manifesto, che parla di 'italici nel mondo'. E noi non ce ne curiamo! Ma qualche giorno dopo, mentre stendevo il testo, apprendo della sua candidatura al Senato. Ma decido di richiamarlo per un approfondimento. Tutte le aziende che avevo cominciato a rivedere … Quel mondo ha bisogno di una politica diversa … E allora che faccio?

La politica mi chiama e dico no? In passato aveva detto di no a simili proposte. E cosa pensa della politica, oggi? Penso che il mio contributo possa essere di tipo progettuale, amministrativo, applicando la mia esperienza di imprenditore So come muovermi. Posso davvero dare una mano. E ritorna su Confindustria alla fine. Ci tiene proprio.

Voglio dirlo. E nel corso della telefonata, anche se a grande distanza mentre lei si trova in Brasile, mi accorgo quasi subito di farlo da donna a donna. La giornalista scompare, Fiorella riesce ancora a trasportarmi in una dimensione di grande confidenza. Soprattutto con le donne che la seguono da anni. La sua voce accompagna le loro vite. Poi gli anni 70 e tutti i movimenti di quel periodo. La riporto nel suo Paese. Di cosa si sente orgogliosa come italiana? E sempre come italiana cosa la mette a disagio? Mi guardo intorno e dico Quanta Storia!

Viviamo in una delle terre piu belle del mondo e questo ogni volta mi fa sentire orgogliosa. Invece non mi sento orgogliosa quando non capisco come facciano a non far vivere il nostro Paese di turismo con tutte le bellezze che abbiamo. Questo mi fa davvero arrabbiare. Il fatto che non curino nostri patrimoni artistici, il fatto che si deturpino le spiagge, il fatto che costruiscano dove non si deve, il fatto che trivellino davanti a dei posti incantati. Cerchiamo petrolio in mare, quando il nostro petrolio sono le nostre isole.

Abbiamo alcune delle isole piu belle del mondo e non riusciamo a valorizzarle. Tu hai il meridione del mondo nel cuore. Ha poi portato avanti diverse campagne sui diritti umani, ed in particolare quelli delle donne. Il mio istitinto mi porta al SUD. Non che non mi piaccia il Nord, ma amo il Sud. Fiorella lo racconta. Ed immagino perfettamente cosa vuol per una madre lasciar andare un figlio lontano in un Paese sconosciuto.

E spesso le donne si sentono vecchie prima del tempo.

E' titolo di un'altra tua canzone famosa. Ci sono fasi delicate. Come si fa a cambiare rimanendo sempre se stesse? Bisogna accettare il tempo che passa e non ricorrere a certi trucchi estetici grotteschi. Ma non bisogna cambiare I connotati. Parliamo di Metoo. Cosa ne pensi? Se dobbiamo elencare tutte le volte che qualcuno maldestramente ha cercato di provarci ognuna di noi scriverebbe un libro.

Se ci sono stati abusi di potere per estorcere, quelli vanno denunciati sicuramente. Se ci sono stati abusi di potere per estorcere, quelli vanno denunciati subito. Per tornare alla musica. Parliamo di donne che non hanno potuto avere figli. Come me, come te. Questa canzone mi ha dato tante soddisfazioni. E per quelli deceduti come erano state avvertite le madri. Cosa deve provare una madre quando vede un figlio andar via Ho preso carta e penna e mi sono messa a scrivere….

Ma io penso che non sia necessario essere madri di fatto, per sentirsi madri, perche sta nella natura, noi siamo nate madri. Tu ti prendi delle parole le fai tue, le studi, le capisci, le interpreti, e poi con la tua voce cerchi di dare un valore aggiunto e cerchi sempre di non fare danni. E questo ho fatto io in tutti questi anni. E poi hai scritto tu stessa. Cosa ha significato per te. Mi piace scrivere ma spero di mantenermi lucida per avere sempre quel senso critico per valutare quello che scrivo, nello stesso modo in cuii giudico quello degli altri. Quanto pensi che la musica possa aiutare questo mondo?

Io non penso di cambiare niente, io penso che tanti si possano riconoscere in quello che dico come se fosse un sentire collettivo. Spero almeno che quello che canto sia condiviso, e possiamo sentirci meno soli perche quella determinata canzone o quel determinato cantante mi rappresenta. Questa distruzione della scuola, questa distruzione del corpo insegnante…non so cosa ci sia dietro ma mi fa paura. Cosa possono aspettarsi giovani cantanti dalla musica? Anche per quelli che escono dai talent. Allora, se sono bravi e continuano a lavorare su loro stessi, senza aver paura di non vendere il disco, senza aver paura di fare quello che devono fare: soprattutto leggere.

Io non ero cosi nel , io sono cresciuta. Ho cercano piano piano di sentirmi alla pari, non sentirmi da meno. Quando parlavano di uno scrittore che non conoscevo io correvo di corsa a comprare il libro. Cosa ti manca. Cosa pensi abbia dato alla musica. Io e Pino abbiamo avuto un bellissimo rapporto, ci volevamo bene a vicenda. Pino era Napoli. La sua storia ed il suo presente.

La sua vita era per la musica. Mi ha insegnato a cantare in napoletano, mi correggeva quando sbagliavo e ci facevamo tante risate. Che ho studiato prima di conoscere. Canto le sue canzoni, per renderlo immortale. Pino era molto legato a New York. Ne trovava anche punti in comune con Napoli. Tu cosa ami di New York? New York, con tutta la sua arte, ha fatto parte del nostro immaginario. La obbligo a scegliere un posto tra i tanti che ama a New York. Andate a leggere il testo prima di ascoltarlo.

Ogni strofa invita a non arrendersi, a risorgere, a combattere. Inutile insistere. Gino Sorbillo had just returned to Italy following the inauguration of his second location in New York. We reached Sorbillo by phone upon his return to Naples.

Un mese di seduzione (Italian Edition) Un mese di seduzione (Italian Edition)
Un mese di seduzione (Italian Edition) Un mese di seduzione (Italian Edition)
Un mese di seduzione (Italian Edition) Un mese di seduzione (Italian Edition)
Un mese di seduzione (Italian Edition) Un mese di seduzione (Italian Edition)
Un mese di seduzione (Italian Edition) Un mese di seduzione (Italian Edition)
Un mese di seduzione (Italian Edition) Un mese di seduzione (Italian Edition)
Un mese di seduzione (Italian Edition) Un mese di seduzione (Italian Edition)

Related Un mese di seduzione (Italian Edition)



Copyright 2019 - All Right Reserved